Persone sensibili alla qualità del cibo

Foodinsider è un movimento che si esprime attraverso la piattaforma multimediale foodinsider.it sviluppata nel 2015 per iniziativa di alcuni genitori sensibili al tema dell’alimentazione e attivi come commissari mensa a scuola. Foodinsider nasce inizialmente per diffondere informazioni e documenti a supporto di quei genitori che vogliono controllare la qualità della mensa, ma senza la competenza necessaria per poter valutare l’adeguatezza del menu dal punto di vista dell’equilibrio della dieta. Per compensare a questa carenza la redazione mette online il questionario Menu a punti sviluppato dall’ASL2 di Milano che consente, rispondendo a delle semplici domande, di capire se il menu è in regola con i parametri di una sana alimentazione secondo le raccomandazioni dell’OMS e delle Linee guida della ristorazione scolastica nazionale, oppure no.
Foodinsider evolve e diventa un punto di riferimento ogni qual volta che si parla di mensa scolastica e diventando una sorta di osservatorio non istituzionale del servizio di refezione.
L’obiettivo di Foodinsider e della sua redazione è quello di alimentare la consapevolezza sull’importanza della qualità e dell’equilibrio dell’alimentazione sin da piccoli, incidere nel cambiamento dei menu (a scuola e a casa), scoprire e promuovere le best practice della ristorazione scolastica italiana, avviare percorsi di educazione alimentare che tengano conto del gusto, della salute e della sostenibilità.
Foodinsider raccoglie  una rete soggetti diversi fra loro: associazioni, personalità del mondo accademico, della cittadinanza attiva e del mondo della cultura. E’ un fermento di idee e iniziative che parla alle famiglie, alla scuola, all’economia e alle istituzioni per promuovere lo sviluppo verso la qualità, la sostenibilità e la cultura della buona e sana alimentazione. Per raggiungere questi obiettivi la piattaforma web mette in condivisione informazioni, strumenti di supporto e spunti per migliorare l’alimentazione e la qualità dei piatti seguendo le indicazioni dell’OMS, del Codice Europeo Anticancro e del Green Public Procurement.

Dalla refezione scolastica, a come cambiare in meglio i menu a scuola, fino a sviluppare percorsi e strumenti di educazione alimentare sono tutti temi che ci interessano e che affrontiamo in maniera responsabile. Abbiamo sviluppato una rete di contatti con profili autorevoli e enti istituzionali di riferimento nel mondo della ‘sana alimentazione’ e della ‘green economy‘, con i quali scambiamo informazioni utili per trovare stimoli per migliorare il nostro stile di vita, a partire dalla qualità del cibo.

Numerose sono le risorse e le iniziative che abbiamo messo in campo per innescareun processo virtuoso che raggiunga gli obiettivi che ci siamo posti: il menu a punti, (questionario di valutazione dei menu scolastici), il Rating dei menu scolastici e la raccolta di best practice nel mondo dell’alimentazione e delle mense scolastiche e le nostre conferenze che teniamo a titolo gratuito in tutta Italia dove siamo invitati a parlare e il libro delle migliori ricette delle mense scolastiche italiane e i laboratori di educazione alimentare che uscirà a fine del prossimo 3° Rating.

La nostra storia

Foodinsider nasce intorno all’idea di pubblicare e mettere a disposizione di tutti il questionario ‘menu a punti’ sviluppato da Benedetta Chiavegatti e Gisella Giovanetti dell’ASL2 di Milano (oggi ATS Milano Metropolitana) elaborato per valutare l’equilibrio dei menu scolastici delle mense nell’hinterland milanese. Si tratta di uno strumento semplice, composto da una serie di domande con relative opzioni di risposta a ciascuna delle quali corrisponde un punteggio. La somma di tutte le risposte e dei relativi punteggi restituisce uno score da cui è possibile desumere la qualità del menu confrontando il dato con le fasce di punteggio: sotto i 50 punti insufficiente, dai 50 ai 100 sufficiente, sopra i 100 buono. Il questionario non si basa solo sulle indicazioni che derivano dalle Linee guida della ristorazione scolastica ma recepisce anche le recenti Raccomandazioni dell’OMS.

Il questionario, nella sua semplicità, è uno strumento utile a coloro che non hanno nessuna competenza per giudicare l’equilibrio del menu scolastico dei propri figli ma che riescono, dal punteggio finale, a desumerne il livello qualitativo. Dopo un confronto con il dott. Berrino per discutere la validità del questionario e una sua semplificazione ad uso di utenti inesperti, la versione digitale del questionario viene pubblicata nel 2015 e nel 2016 viene lanciato il primo Rating dei menu scolastici italiani.

Grazie alla disponibilità di Last minute sotto casa, azienda di tecnologie di Torino, il questionario online ‘menu a punti’ si trasforma in un’applicazione mobile che viene lanciata durante la trasmissione serale di metà novembre Indovina chi viene a cena di Report. Immediatamente il data base del questionario menu a punti ottiene un picco di accessi che consente di avere un panel di dati ancora più significativo per l’elaborazione del 2° Rating.

app_foodinsiderL’aspetto più gratificante che ottiene Foodinsider attraverso il 2° Rating pubblicato nel marzo 2017 è rilevare come molti dei menu scolastici siano migliorati rispetto al punteggio del precedente Rating. La percezione è che l’interagire con i genitori e gli uffici refezione per consolidare i dati della classifica abbia sviluppato una consapevolezza tra le parti che è stimolo a fare meglio. I risultati si vedono, netti, nel menu di alcuni Comuni: Napoli, Ancona, Chieti, Sesto Fiorentino, Perugia, ecc. Tutte realtà dove sono stati i genitori ad aver innescato un processo di negoziazione per chiedere di cambiare i menu scolastici a fronte delle criticità rilevate rispondendo al questionario.

Consapevolezza e reputazione sono la chiave del cambiamento che Foodinsider è riuscito ad innescare attraverso il Rating e l’attività editoriale. Ma il punto di forza è la rete di contatti e relazioni che si alimenta di confronti, idee e iniziative che ruotano intorno alla promozione di un’alimentazione più equilibrata e sana a scuola e in famiglia.

Siamo partiti con una Newsletter che tocca un target ampio fatto di migliaia di utenti, distribuiti sul territorio nazionale, i cui articoli vengono spesso rimbalzati attraverso i Social da genitori e commissari mensa garantendo una capillare diffusione delle informazioni.
La Newsletter è  un canale utile per fare informazione e promuovere tutte quelle realtà che intorno al cibo hanno valori da spendere e da condividere trasformandosi in un modello di riferimento per coloro che vogliono avviare cambiamenti virtuosi.

Il 3° Rating dei menu scolastici

Il 3° Rating, che quest’anno si appresta a valutare i menu invernali delle scuole primarie dell’anno scolastico 2017/18, si avvale di un Comitato Scientifico che si compone di profili autorevolissimi con indiscutibile competenza all’interno di ambiti che coinvolgono l’organizzazione della mensa scolastica: la scuola, la salute, il gusto, il mercato e la sostenibilità. Con il supporto dei membri del Comitato scientifico Foodinsider si pone l’obiettivo di sviluppare delle nuove linee d’indirizzo per sostenere la ristorazione scolastica nel migliorare la propria offerta nella qualità, appetibilità, salute e sostenibilità dei piatti e del menu nel suo insieme.

Owner della piattaforma e Responsabile editoriale di Foodinsider.it è
Claudiaclaudia_paltrinieri Paltrinieri claudiapaltrinieri@yahoo.it