SCUOLA. ROMA, DA GENITORI 12MILA FIRME PER RITIRO BANDO MENSE
IL CAMPIDOGLIO RESPINGE RICHIESTA,

Il 26 giugno sono state consegnate in Campidoglio 12.000 firme dei genitori dei bambini delle elementari e materne per chiedere il ritiro del bando per la refezione
scolastica. A riceverle il vicedirettore
del Campidoglio Gianni Serra, che ha usato l’espressione “quattro mamme” riferendosi alle autrici della raccolta firme. A rischio, secondo le “quattro mamme”, è la qualità del pasto e i posti di lavoratoro per un bando, che arriva con più di 2 anni di ritardo e che si riferisce a soli 10 mesi di servizio. Si parla di 4 euro, ma la somma
e’ decisamente inferiore perché in questo valore oltre al pasto, rientrano le riparazioni di eventuali guasti in cucina, le colazioni dei bambini, il biologico e i compensi dei lavoratori.
A Palazzo Senatorio non sembra
esserci nessuna volonta’ di venire incontro alle richieste der genitori e degli operatori del settore. Il bando non sara’ ritirato. Eppure sono tante le perplessità che emergono anche da altri punti di vista. “Insistere con questo bando per meno di un anno, mi puzza”, ha detto il presidente di commissione Marco Palumbo. Alla seduta non hanno partecipato ne’ i consiglieri di maggioranza, ne’ l’assessore competente Laura Baldassarre.
I genitori non mollano e stanno studiando strategie per bloccare il bando. Hanno creato alleanze e stanno studiando il bando con l’aiuto di professionisti del settore ed esperti legali per valutare tutte le possibili azioni al fine di tutelare la salute dei bambini romani, che passa anche per la qualità del pasto a scuola.